LARTENÈUNACARAMELLA
Fara Sabina | Sala Archi

Sabato 12 Marzo 2016 | ore 21:00
L’ARTE È UNA CARAMELLA
di e con Carlo Vanoni
regia di Gian Marco Montesano
Florian Metateatro

CREDITI
Testo di Carlo Vanoni
Drammaturgia e regia di Gian Marco Montesano
Collaborazione al testo Luca Berta
Scena Carlo Vanoni e G.M. Montesano
Voci fuori campo Giulia Basel e Massimo Vellaccio, Umberto Marchesani, Maresa Guerra, Luigia Tamburro, Emiliano Furlani
Registrazioni Globster
Fotografia Stefano Bozzani
Scansione immagini Miriam Doni
Produzione Florian Metateatro 

“Se la storia dell’arte fosse sempre spiegata come accade nello spettacolo di Carlo Vanoni, forse saremmo un popolo più consapevole ed orgoglioso delle proprie e altrui ricchezze. L’arte è una caramella è un viaggio veloce, colorato, vorticoso, nell’evoluzione dell’arte, ma in fondo nell’evoluzione dell’uomo e del suo modo meraviglioso di vedere ed esprimere la realtà che vive. Il merito di Vanoni e di Gian Marco Montesano (drammaturgia e regia) è quello di renderlo comprensibile a tutti, svelando e spiegando i punti nodali delle trasformazioni del pensiero alla base di ogni opera artistica. In un’ora e mezza si percorrono 500 anni di storia dell’arte mondiale, iniziando e finendo, lì sul palco, davanti ad un grande mucchio di caramelle coloratissime, un’opera contemporanea di cui solo alla fine capiremo il senso, toccante e commovente. Forse è proprio questo il messaggio di questo insolito ed originale spettacolo: non fermiamoci di fronte all’oggetto, cerchiamone l’origine. Dai Salon francesi all’Accademia di Francia a Roma, quando l’arte era la riproduzione perfetta della realtà, alla rivoluzione impressionista che invece era la riproduzione della “percezione” di un momento, dalle visioni prospettiche di Raffaello ai famosi “tagli” di Lucio Fontana, dallo “smontaggio” della pittura con Cezanne e la sua “forma colore” alla spiritualità nell’arte con Kandinsky e tanto, tanto altro, fino a Picasso, ad Andy Warhol e oltre. Sicuramente ci fa venire voglia di approfondire la nostra misera conoscenza, lasciandoci scorgere la bellezza dell’animo umano anche di fronte agli orrori della storia. In fin dei conti, L’arte è una caramella ci invita a rivalutare lo sguardo dei bambini, che è sguardo d’amore. Come quel grande mucchio di caramelle colorate, opera di Felix Gonzalez Torres, che tramuta il sorriso sarcastico che solitamente si ha davanti all’arte contemporanea, in uno stupore commosso e rispettoso di fronte all’idea, al pensiero che lo ha generato. Bellissimo e istruttivo. Da non perdere.”. Paolo Leone,  Corriere dello Spettacolo,