Giovedì 24 maggio ore 21 – Teatro Biblioteca Quarticciolo

CORPO A CORPO (2° meditazione su Caino e Abele)

// Compagnia Zappalà Danza

zappala-642x336

di Roberto Zappalà
Compagnia Zappalà Danza

(prima regionale)

da un’idea di Nello Calabrò e Roberto Zappalà
coreografia e regia Roberto Zappalà
danzatori Gaetano Montecasino, Fernando Roldan Ferrer

una co-produzione Scenario Pubblico/Compagnia Zappalà Danza – Centro di Produzione della
Danza e AME Associazione Musicale Etnea | in collaborazione con KORZO (Den Haag, NL) | con il
sostegno di Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e Regione Siciliana Ass.to
del Turismo, Sport e Spettacolo | in collaborazione con ATCL Lazio

La nuova creazione di Roberto Zappalà “Liederduett”, con debutto previsto per l’estate 2018,
viene anticipata da alcuni step di “meditazione”.
La prima, “Come ali” viene proposta a marzo 2018 a Scenario Pubblico Catania e indaga la violenza
che i corpi subiscono e esprimono sin dall’inizio della vita. Seguirà il secondo studio “Simbiosi”, che
esplora invece un mondo apparentemente comune a tutti ma praticamente mancante, legato
all’intesa, al legame, all’intima unità che dovrebbe esistere tra gli “organismi animali e vegetali”.
Un dittico per indagare una possibilità utopica…“E se Hitler avesse vinto la Guerra?” insieme a: “e
se Napoleone non fosse stato sconfitto a Waterloo?” sono le più usate e classiche ipotesi
ucroniche. “E se caino non avesse ucciso Abele?” è, invece, l’ucronia positiva, non
storico/sociologica ma biblico/religiosa che la nuova creazione di Roberto Zappalà affronta con i
mezzi che ovviamente le sono propri: i corpi, il movimento, la danza.
L’albero/progetto di Transiti Humanitatis si arricchisce di una nuova ramificazione, una “fronda”
che richiama e rafforza, per affinità di riferimenti, una nuova possibile genesi già esplorata in
Oratorio per Eva. L’intenzione è quella di meditare sul tema della violenza, sul bene e il male, sulle
lotte dell’umanità.
La prima lotta é anche il primo delitto; il primo fratricidio e anche il primo martirio; la prima
conseguenza della rottura del rapporto fra gli uomini con Dio. Una rottura così tragica e definitiva
da condurre al delitto. Allora… con un ritorno indietro, l’assenza del primo delitto potrebbe
ricondurre a ristabilire questo patto?