Venerdì 22 dicembre ore 21.00

IL FLAUTO MAGICO

flauto-magico-teatro-unione-viterbo-atcl-danza-1-768x595

Balletto in un atto e 6 quadri 

DIRETTORE ARTISTICO DIANA FERRARA

Coreografo PAOLO ARCANGELI
Collaboratore alla musica e alle videoproiezioni  MARCO SCHIAVONI
Costumi ANNAPAOLA
Foto Raffaele Lello Mastroianni
Maitre de ballet Alessandra Bianchini

INTERPRETI

Pamina  CLAUDIA BUONOCORE
Tamino   SAMUELE BAZZANO
Papageno MANUEL CARBONE
Sarastro MANUEL BARTOLOTTO
La Regina della notte  MICHELA PIZZINO
Le tre Dame  JENNY RINALDI, SARA PALOMBINO, GIADA PRIMIANO
Papagena SARA PALOMBINO

Un altro grande balletto per l’Astra Roma Ballet, storica compagnia di danza fondata e diretta dall’étoile Diana Ferrara, che per la stagione 2017/2018 propone Il Flauto Magico, nuova produzione ispirata alla celebre opera di W. A. Mozart su libretto di E. Schikaneder.

Lo spettacolo, firmato dal coreografo di Paolo Arcangeli, è impreziosito dalle scenografie di Emanuele Luzzati, bellissime illustrazioni provenienti dal laboratorio dell’omonimo museo a Genova intitolato proprio dall’illustratore italiano di cui ricorre nel 2017 il decimo anniversario della sua scomparsa.

Il balletto, adatto ad un pubblico di tutte le età, è costruito e progettato sulla base dell’allestimento del film Il Flauto Magico realizzato da Emanuele Luzzati, regia di Giulio Gianini. Tra piume, stracci colorati e incantevoli foreste disegnate dall’artista genovese, lo spettacolo è il racconto danzato dell’entusiasmante e contrastata storia d’amore tra il principe eroe Tamino e la principessa Pamina, rapita dal malefico mago-sacerdote Sarastro.

In questa coinvolgente avventura il protagonista, affiancato da Papageno, curioso e colorato personaggio, mezzo uomo e mezzo uccello, innamorato a sua volta di Papagena, dovrà superare alcune prove iniziatiche che lo metteranno in difficoltà e lo porteranno, grazie all’aiuto di un flauto magico, ad esplorare la maturità e la saggezza. La contrapposizione tra il tema della ragione e dell’oscurantismo, impersonificati proprio dai due regni, quello di Sarastro e quello della Regina della Notte (madre della stessa Pamina che vuole sottrarla alla libertà), si uniscono attraverso il fantastico tema fiabesco, accompagnato dalle splendide musiche di Mozart.

Uno spettacolo allegro e divertente, che fonda danza e arti visive e che non tralascia l’aspetto istruttivo: la meravigliosa avventura quotidiana  di diventare più saggi, o almeno provarci, senza per questo tralasciare i buoni sentimenti e l’amore.